Un racconto radiofonico e letterario. Una storia raccontata in viaggio.
LE VOYAGE D'ORIENT A 100 ANNI DA LE CORBUSIER

Nel 1911, Le Corbusier lasciò Berlino ed intraprese un viaggio che sarebbe durato fino alla fine dell’anno e lo avrebbe condotto attraverso la Germania, la Boemia, l’Austria, i Balcani, la Romania, la Bulgaria, l’Ungheria ad Istanbul, ad Atene, fino al Monte Athos, per poi ricondurlo in Svizzera attraverso l’Italia. Chiamò l’esperienza “Voyage d’orient”.  Oggi cosa rimane? Perché non raccontare il viaggio di Le Corbusier cento anni dopo, ripercorrendolo?

Non sono un architetto. Mi affascina l’architettura. Ma io racconto storie.

Le Corbusier scrive “La vita non appartiene a quelli che sanno ma a quelli che scoprono”. Scoprire é per me viaggiare. È quanto mi spinge a ripercorrere le sue tracce, cento anni dopo. Andando ad est, in un territorio di confine, dove interagiscono diverse influenze culturali.  Raccontarle significa leggere le nostre origini, eternare le domande umane.

Le tracce di Le Corbusier sono presenti nella nostra contemporaneità ed influenzano la quotidianità. Talvolta immagino di essere in un cimitero dei Carpazi, su di un bus in Bulgaria, in una osteria Serba, mimetizzato nell’alveare di Atene, tra i campi della Puglia, nella periferia di Firenze. Oppure immagino di essere sul Monte Athos a trovare storie da poter raccontare, ad accorgermi di quanto poco sia indispensabile per raggiungere una tranquilla felicità.

Le Corbusier scrive “Ho guardato, visto, osservato, scoperto.”
Io cercherò storie e ve le racconterò.

Flavio Stroppini

Dettagli
Il progetto, realizzato grazie al sostegno della Fondazione Svizzera di Radio e Cultura ha quali partner RSI Rete 2 che seguirà il viaggio dal lunedì al venerdì alle 20.00 con una breve trasmissione registrata e montata nel viaggio. RSI Rete2 produrrà al termine del viaggio un radiodramma scritto appositamente. Un contributo scritto verrà pubblicato settimanalmente (il sabato) dal quotidiano La Regione Ticino. Terminato il viaggio la Gabriele Capelli Editore programma la pubblicazione di un “Carnets de voyage”. La rivista trimestrale di cultura Cenobio pubblicherà un breve “contributo d’immagini e parole” mentre la rivista online www.uno.radiogwen.ch “ospiterà” il sito web del viaggio nelle sue uscite estive. Nel sito vengono raccolte brevi interviste ad architetti internazionali sul “senso del viaggiare”. Il progetto usufruisce della consulenza dell'associazione m-arts.